Ecco perché Firefox non supporta il codec H.264 utilizzato da YouTube e Vimeo per l’HTML 5.

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

html5_thumb Recentemente, portali video come YouTube e Vimeo, hanno lanciato una versione del loro sito che utilizza il nuovo linguaggio di markup HTML 5, evoluzione del precedente HTML 4 e che in futuro sarà lo stesso utilizzato da tutti gli altri siti cosi come previsto dagli standard W3C.

Entrambe i portali hanno scelto di utilizzare il codec H264 come base, il che significa che anche se Firefox supporta pienamente lo standard HTML 5, solo Safari e Chrome ad oggi sono in grado di riprodurre i video codificati con questo formato, e le cose per Firefox non cambieranno neanche in futuro, se la scelta del codec non verrà rivista.

Mike Shaver, Vice Presidente del Dipartimento di Ingegneria della Fondazione Mozilla, in un post ha spiegato i motivi per cui Mozilla non ha acquistato e non intende acquistare una licenza per utilizzare il codec H.264.

La prima ragione, sono i costi della licenza. Per utilizzare il codec Mozilla dovrebbe sborsare la bellezza di 5.000.000 di dollari all’anno, somma da versare al gruppo MPEG-LA, detentore del brevetto.

La seconda più che una ragione, è una questione ideologica. Secondo Mozilla adottare una tecnologia brevettata va contro i principi non solo del software libero, ma anche della libertà della rete e del suo sviluppo futuro.

Il post continua dicendo che Firefox non sarebbe mai nato, se quando un manipolo di sviluppatori diedero il via a quello che poi è divenuto il browser più utilizzato al mondo, avrebbero dovuto pagare una società detentrice di un brevetto. E la stessa impresa non potrà mai essere ripetuta, se un domani gli sviluppatori prima di creare un nuovo browser devono per forza acquistare i diritti del codec in questione.

Firefox è un programma completamente open source, e in quanto tale lo sviluppo è esclusivamente a carico degli sviluppatori che hanno abbracciato il progetto, per cui i motivi, a mio parere, sono più che validi, soprattutto se si pensa che l’alternativa gratuita e open source all’ H.264 c’è già e si chiama OGG Theora.

Voi cosa ne pensate?

3 Comments

  1. Dingo ha detto:

    Fanno bene, così ci ripenseranno ed abbandoneranno il codec licenziato e poi ogg ha una qualità assai migliore

    1. TuttoVolume ha detto:

      Purtroppo questo succede quando non c’è qualcuno che stabilisce le regole, ma confido che in futuro le cose vengano concordate prima, perché questi cambiamenti avranno un grosso peso.

  2. […] (Microsoft). Nei nomi dei browser che lavorano già da tempo all’implementazione dell’HTML5, ma non supportano il codec H.264, manca Mozilla Firefox, ed il motivo lo ha spiegato tempo fa Mike Shaver del dipartimento di […]

Rispondi