Spostiamo altrove le cartelle d’installazione di software e video games senza alterarne il funzionamento

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

Icona SymMoverSe confrontati con quelli di una volta, lo spazio offerto dai moderni hard disk sembrerebbe inesauribile. Invece non è cosi, anzi, se un tempo quello disponibile nel nostro hard disk bastava e avanzava, oggi, nonostante gli archivi online e le decine di periferiche di archiviazione sparpagliate sulla scrivania, siamo sempre a corto di spazio dove archiviare i nostri file.

Il disco C:\, ovvero quello dov’è installato il sistema operativo e i programmi, è sempre il primo a straripare, ponendoci di fronte anche a un altro problema; quello che riguarda il rallentamento del PC a causa di mancanza di spazio per l’archiviazione dei file temporanei. File e documenti non sono gli unici elementi che riempiono la partizione C:\. Infatti, una consistente porzione dell’archivio è occupata soprattutto da software, video games e aggiornamenti di sistema che, a differenza dei comuni file, non possono essere facilmente traslocati su una diversa partizione.

Mentre i file quali documenti e foto si possono facilmente spostare da un drive all’altro, per trasferire altrove le sempre più pesanti cartelle d’installazione dei software, bisogna ricorrere a una procedura più laboriosa che si avvale dei punti di giunzione NTFS.

I punti di giunzione NTFS (o link simbolici), sono una particolare caratteristica del file system NTFS (lo stesso usato da Windows). Come comuni collegamenti, i link simbolici trasferiscono le richieste della risorsa verso il percorso del file effettivo. In poche parole, possiamo spostare altrove le cartelle dei programmi, guadagnando quindi spazio nella partizione di Windows, e utilizzare i link simbolici per far credere al sistema che essi si trovino ancora nel percorso C:\Programmi (o altrove).

L’operazione, che può sembrare complicata, diventa elementare se ci facciamo aiutare da SymMover. Utilizzando SymMover il trasferimento delle cartelle dei programmi, e la creazione dei relativi link simbolici, è ridotto a un paio di clic.

Spostiamo altrove le cartelle dei programmi preservandone funzionamento, collegamenti e associazioni:

  • Innanzitutto scarichiamo e installiamo SymMover.
  • Avviamo il software e clicchiamo sul pulsante + per aprire la finestra dove selezioneremo il programma da spostare.

Passo 2

  • In fondo (Destinetion Folder) indichiamo il percorso di destinazione della cartella (es: E:\Programmi) e clicchiamo su Add Folder.
  • Ripetiamo per tutti gli altri programmi da spostare.
  • Pigiamo sulla freccia verde e attendiamo che il trasferimento venga ultimato (il tempo necessario dipende dalla dimensione delle cartelle da spostare e dalla velocità dei dischi).

Passo 3

A operazione completata i programmi presenti nella sezione Folder in Source passeranno a quella Folders in Destination, e di conseguenza lo spazio che occupavano nel disco C:\ tornerà libero e potrà essere riutilizzato.

Collegamenti, dipendenze, associazioni dei file e altre richieste che puntano ai software spostati, resteranno completamente funzionanti proprio come se la cartella fosse ancora al proprio posto.

Ovviamente, nonostante il buon esito dei test effettuati con software e video games di varia natura, può esserci qualche incompatibilità. In questo caso, con la stessa facilità con cui abbiamo spostato le cartelle possiamo rimettere le cose a posto.

Rimettiamo le cartelle al loro posto:

  • Avviamo SymMover, spuntiamo il software incriminato tra quelli presenti nell’elenco Destination Folder e clicchiamo sulla freccia gialla.

L’operazione riporterà la cartella nel suo percorso originale eliminando i link simbolici creati in precedenza.

Link SymMover

Download SymMover

Rispondi