Migliaia di account sommersi da spam provenienti da Twitter.

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

spam Questi sono giorni complicati per il servizio di microblogging più chiacchierato del momento, in aggiunta all’attacco DoS di ieri (che tra l’altro causa ancora alcuni problemi), Twitter ha subito un massiccio ed esteso attacco di spam.

Non so voi, ma io ho ricevuto in 2 giorni almeno 8 messaggi di spam, tutti provenienti da DM (messaggi diretti), questo significa che ne staranno circolando migliaia sulla rete. 

La prima cosa da fare quando si subisce un attacco di Spam tramite DM, è quella di cambiare la password del vostro account immediatamente, solo cosi potrete prevenire futuri attacchi.

Il messaggio è sempre lo stesso, anche se il mittente può variare, e invita l’utente a retweettare un link che all’apparenza sembra di un organizzazione famosa.

Nei due esempi che riporto di seguito, in uno mi si invita ad un retweet di googleboss, mentre l’altro fa riferimento ad un organizzazione no-profit.

spam-twitter

Twitter sta lavorando molto per sconfiggere la piaga dello spam, anche di quello che interessa i tinyURL, che in un certo senso può essere anche più pericoloso.

Personalmente credo che i tinyURL siano stati una trovata geniale, ma visto l’uso selvaggio che molti ne hanno fatto, e considerando che ormai Twitter è famoso, io prenderei la decisione di abolirli completamente, magari restringendo lo spazio a 130 caratteri per il messaggio, permettendo però di inserire il link lungo e originale.

Che ne pensate?

One Comment

  1. […] Facebook cosi come hanno fatto con Twitter, creando una rete pubblicitaria di utenti disposti a sommergere di spam i loro contatti in cambio di […]

Rispondi