act.ly: crea petizioni da diffondere rapidamente tramite Twitter.

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

Petizioni Twitter La protesta Fixoutlook di cui ho parlato ieri, anche se non è servito a convincere gli sviluppatori Microsoft a rivedere Outlook 2010, ha comunque mostrato il potenziale di Twitter.

La petizione diffusa tramite il popolare servizio di microblogging, è stata firmata da oltre 22.000 utenti in appena 48 ore.

Per chi volesse sfruttare questo potenziale per qualsiasi tipo di causa, ma non ha le capacità di creare un sito dove permettere agli utenti di aderire alla petizione, act.ly può di sicuro essere d’aiuto.

act.ly tweet change Si tratta di un servizio che consente di creare una petizione, inviarla tramite Twitter, e quindi ricevere le sottoscrizioni. Il tutto in maniera molto semplice e rapido.

act.ly in pochi giorni di vita, è stato già utilizzato per creare 120 petizioni a cui hanno risposto oltre 2500 persone.

La creazione di una nuova petizione richiede più o meno lo stesso tempo che occorre per postare un tweet.

Raggiunto il sito, siamo subito pronti per creare la nostra petizione.

act.ly crea petizioni

Innanzitutto bisogna inserire il nome utente Twitter del profilo a cui è indirizzata la petizione. Visto che ormai tutti hanno un account Twitter, ciò significa che possiamo inserire il nome di un account pubblico o privato (politici, autorità, attori, cantanti, ecc) , oppure quello di un profilo aziendale (Google, AdSense, Microsoft, Apple, ecc), l’importante è conoscerlo, anche se per questo basta una ricerca sullo stesso Twitter, o usando un servizio apposito come Famous Tweeters.

Nella riga successiva va inserito una breve descrizione riguardante la petizione, che in pratica diventerà il tweet che vedranno gli utenti. Nella descrizione è possibile inserire anche un #hashtag.

act.ly crea petizioni Twitter

Cliccando su Create, verremo diretti su Twitter per autenticare il nostro profilo, un paio di secondi, e ritorneremo su act.ly per terminare la petizione, inserendo una descrizione più dettagliata della petizione, che può essere accompagnata da link di approfondimento o video YouTube e Vimeo da inserire tramite codice embed.

Gli ultimi ritocchi riguardano le due caselle in fondo, che nell’ordine consentono di includere un checkbox che i firmatari potranno usare per diventare vostri follow, e un opzione per seguire automaticamente gli utenti che appoggiano la vostra petizione.

petizione

Cliccate su Save, e la vostra petizione verrà postata su Twitter e aggiunta al sito act.ly. A questo punto gli utenti possono firmare la vostra petizione direttamente da Twitter semplicemente cliccando su retweet, oppure raggiungere la stessa sul sito act.ly dove potranno anche leggere il resto delle informazioni riguardanti la petizione, firmare, e vedere quanti altri utenti hanno appoggiato la causa.

Tweet petizione

Per testare le fasi di act.ly, ho creato una petizione che dubito abbia senso, comunque se vi va di farvi un giro questo è il link, magari anche solo per vedere più da vicino questo ottimo servizio.

Inoltre dal sito act.ly è possibile sfogliare le petizioni create dagli utenti, e firmarne una se vi va di appoggiare la causa.

2 Comments

  1. […] i mille usi a cui si è prestato, Twitter ora potrebbe diventare anche una vetrina per scrittori in erba in cerca di […]

  2. […] tradurre i nostro twitts in 42 lingue differenti(le stesse di Google Translate), e quindi rendendo Twitter uno strumento universale che ci consente di comunicare con il mondo […]

Rispondi