Google ammonisce il governo cinese ed è disposta a chiudere Google.cn se non si toglie il filtro.

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

Google-Cina Google questa volta ha intenzione di fare sul serio, e non teme nemmeno le reazioni delle nazione più grande del mondo, ovvero la Cina.

In una dichiarazione pubblicata poche ore fa sul blog ufficiale, Google senza mezzi termini, accusa il governo cinese di aver violato le infrastrutture e la proprietà intellettuale con attacchi che hanno interessato gli account Gmail di alcuni attivisti per la difesa dei diritti umani, e dice di non essere più disposto alla censura del proprio motore di ricerca.

Tali fatti accaduti la metà di dicembre, non hanno interessato solo Gmail ma anche altre aziende degli Stati Uniti, Europa e la stessa Cina. Le caselle di posta di questi utenti che si battono per i diritti umani, erano accessibili da terzi che quindi potevano conoscere tutta la corrispondenza.

Google ci tiene a far sapere che la violazione non è stata causata da un problema di Gmail bensì da attacchi esterni portati a segno con tecniche di phishing e malware che installavano backdoor sui sistemi presi di mira.

Il nuovo approccio, secondo il colosso di Mountain View, vorrebbe portare a regole meno ferree e una maggiore liberta per Google e per gli utenti cinesi. Google si rende conto che questo potrebbe portare alla chiusura di Google.cn e della sede in Cina, ma non sembra disposta a scendere a compromessi.

Paesi come gli Stati Uniti e l’Europa finora non hanno mai osato tanto. Complimenti a Google per questa coraggiosa scelta.

9 Comments

  1. […] Fonte: Google ammonisce il governo cinese ed è disposta a chiudere Google … […]

  2. […] Da poche ore è finalmente stata rilasciata la patch che corregge una grave vulnerabilità riscontrata in Adobe Reader e Adobe Acrobat un mese fa circa. Il bug che permetteva ai malintenzionati di prendere da remoto il controllo di un PC, è stata la causa delle vicende che in questi giorni hanno visto contrapporsi due colossi del web e del mondo reale, Google e il governo cinese. […]

  3. Angelus ha detto:

    SAN GOOGLE NON SI SMENTISCE MAI!!

    Sono davvero dei GRANDI!!!

  4. […] quello che è successo un paio di giorni fa tra Google e Cina, il web pullula di contenuti che parlano di censura su Internet e liberta di espressione, e ciò è […]

  5. […] ai PC di migliaia di utenti. Il bug passerà alla storia come una delle cause che potrebbe portare Google all’abbandono del mercato cinese e alla chiusura di […]

  6. […] Le scintille tra Google e il governo cinese, potrebbero generare un incendio di vaste proporzioni che non sarebbe isolato al solo mondo delle ricerche sul web. Negli ultimi giorni i media si sono interessati alla vicenda, iniziando ad indagare sulle cause che hanno portato all’attacco delle infrastrutture di oltre 30 aziende. […]

  7. […] motivi che hanno spinto lo sviluppo di Firefox 3.6, partono dall’attacco del governo cinese nei confronti delle infrastrutture di alcune aziende, tra cui […]

  8. […] probabilmente e a conoscenza che una falla nel browser Internet Explorer è stata sfruttata per colpire i sistemi di oltre 30 imprese della Silicon Valley, tra cui anche […]

  9. […] governo cinese, e se ora come ora sembra ormai tutto perduto per google.cn, dobbiamo ammettere che nell’epico sconto BigG non si è certo mai nascosto dietro un dito, cosa che invece i ministri cinesi hanno sempre fatto, […]

Rispondi