Google Chrome: arriva finalmente il browser made in Google

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

Voci e indiscrezioni su Google che stava lavorando ad un browser per competere con Microsoft su un altro livello, hanno riempito forum, blog e siti web. Tali voci non sono mai cessate completamente negli ultimi tre anni circa, e oggi quelle voci sembrano essere andate oltre. In un comunicato semi-ufficiale è stato annunciato Google Chrome.

Sul blog ufficiale Google è disponibile un fumetto illustrato di 38 pagine creato da Scott McCloud, che mostra i dipendenti di Google mentre pensano a quali funzioni e desideri devono integrare nel progetto del browser.


Inizia presentando i concetti di base che un browser di Google “deve avere”. Un browser deve essere stabile, molto veloce, più sicuro, pulito, semplice, efficiente e Open Source. Google Chrome si avvale di più processi separati, il che significa che ogni scheda funziona separatamente dalla altre. Ciò significa che se un processo in una scheda si blocca a causa di un bug, solo questa scheda si bloccherà, ma il resto del browser rimarrà stabile.

Una delle funzioni più interessanti di Google Chrome, è un task manager per il browser che visualizza l’uso della memoria di ciascuna scheda, e informazioni dettagliate per ogni scheda, il che renderà facile identificare la risorsa che utilizza la maggior parte della memoria .


Per Google Chrome è stato creato un motore V8 Javascript, che promette un incredibile impulso di prestazioni. La barra degli indirizzi è chiamata Omnibox, e ogni scheda ne utilizzerà una tutta sua.

Google Chrome inoltre si avvale di una funzione per proteggere la privacy che funziona in modo analogo di Microsoft InPrivat, che permette di creare un Sandbox al fine di proteggere il sistema.

Ci sono così tante informazioni su queste 38 pagine. E ‘ovvio che il team di sviluppo di Google Chrome ha preso spunto da Internet Explorer, Firefox e Opera, prendendo in prestito buone idee, e spunti di caratteristiche già collaudate, ma questo alla fine può solo far si che il prodotto finale sia eccellente per noi utenti.

Il browser sarà disponibile su google.com / chrome che attualmente visualizza un errore 404, ma ancora per poco, si perchè il rilascio è previsto nella giornata odierna, non vedo l’ora di metterci le mani sù…

Via-gHacks.

One Comment

  1. […] usare come start page, tant’è che anche altri browser hanno adottato questa funzione. Il browser Google Chrome visualizza le miniature di tutti gli ultimi siti visitati quando si apre una scheda vuota. Per […]

Rispondi