Bing inizia a includere i tweet nei risultati delle ricerche.

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

Bing-tweet Visti gli ultimi sviluppi di tragedie, dove l’unica fonte di informazione è rappresentata da Twitter, gli aggiornamenti in tempo reale, rappresentano una fetta importante del web che ovviamente i motori di ricerca non vogliono, e non possono farsi scappare.

In passato Google fece capolino in questo settore annunciando alcune nuove caratteristiche che serviranno proprio ad integrare il microblogging nei risultati delle ricerche. Oltre ai rumor, però null’altro si è visto o sentito.

Eppure stavolta il colosso BigG sembra essersi fatto bruciare dal nuovo rivale Bing, dove ora fanno capolino anche gli ultimi tweet inviati dagli utenti.

Bing Tweet

La novità per ora è limitata a pochi utenti, ma c’è da sperare che presto ogni profilo venga indicizzato da Bing.

Questo però introduce un nuovo problema, perché se Google aveva annunciato di integrare i risultati provenienti dai microblogging in una pagina separata dai classici risultati web, nel caso di Bing viene tutto mischiato, e questo include anche gli shortURL che possono portare l’utente dovunque.

Non ci resta che aspettare e scoprire come si comporterà la Microsoft, e anche cosa farà Google che di certò non resterà a guardare, anzi aspettatevi qualche novità già nei prossimi giorni. Nel frattempo possiamo sfruttare uno dei tanti servizi di ricerca in tempo reale ad oggi già disponibili e perfettamente funzionanti.

3 Comments

  1. […] il fatto che Microsoft avesse già una forte presenza in Twitter, con account aperti per diversi prodotti, nessuno di […]

  2. […] Questo cambiamento è stato apportato principalmente per non perdere il treno delle ricerche in tempo reale, campo di battaglia in cui si stanno scontrando servizi come Twitter, Delicious, e anche FriendFeed, che un paio di giorni fa è stato acquistato da Facebook, ma che presto verrà integrato anche nei classici motori come Google e Bing. […]

  3. […] altri siti ospitati sullo stesso nostro server, possiamo sfruttare una caratteristica compresa nel motore di ricerca Bing, in grado di restituire tutti i domini ospitati partendo dall’indirizzo IP del […]

Rispondi