Il 99% dei torrent infrange il copyright.

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

I_Love_P2P I vari protocolli utilizzati per la condivisione dei file, costantemente attaccati dalle major di tutto il mondo, non sono illegali in quanto tali, ma piuttosto è l’uso che se ne fa che li rende illegittimi facendoli additare come l’origine di tutti i mali.

BitTorrent, uno dei più utilizzati protocolli P2P per via della sua estrema rapidità, è una tecnologia infinitamente utile che permette un efficace condivisione dei file in quanto non grava sulla risorse di chi distribuisce il contenuto. Tuttavia, inspiegabilmente, al di fuori dei soliti circuiti poco puliti, viene poco utilizzato come strumento di condivisione.

La maggior parte delle distro Linux viaggiano proprio via BitTorrent, e grazie ad esso il Pinguino arriva velocemente a destinazione, senza che accadano episodi come quando la Microsoft avvio il rilascio della prima Beta di Windows 7, ritirata dopo poche ore proprio perché il server non riusciva a far fronte al carico di richieste. In quel caso, se la Microsoft fosse ricorsa al protocollo BitTorrent, le cose sarebbero andate diversamente.

Ad oggi una tecnologia cosi preziosa, è utilizzata soprattutto per scopi illegittimi. Video games, film, serie televisive, e album musicali, viaggiano proprio su questa autostrada che non richiede il pagamento di nessun pedaggio.

Da un censimento condotto dalla Princeton University su 1000 torrent, si scopre che in percentuale, i contenuti che transitano nella rete BitTorrent scambiati da milioni di utenti, sono ben per il 99% protetti da diritto d’autore.

percentuali_torrent_per_tipo

Una percentuale impressionante che rende del tutto legittime le accuse delle major, e spiega perché vengano dedicate cosi tante risorse alla lotta contro portali come The Pirate Bay, Mininova o IsoHunt, e questo anche se non sono gli album musicali i contenuti più diffusi, visto che per il 46% si tratta di show e serie televisive.

E’ assodato che il mezzo di per se è del tutto legittimo, ma l’uso che se ne fa rende BitTorrent il nemico numero uno del diritto d’autore. Ciò rattrista, perché lo strumento è valido, e lo sarebbe ancor più se fosse scelto come canale di distribuzione anche da chi lo teme.

Leggi anche: Classifica dei video games per PC e console più scaricati nel 2009.

(via)

3 Comments

  1. Dingo ha detto:

    sono le solite notizie messe in giro ad arte per attaccare i torrent e dar man forte all’industria dei contenuti. Potrebbero essere anche 100% illegali (e non lo sono, visto che via bittorent si distribuiscono milioni di file relativi a Linux, ISO, programmi ecc…), ma poiché i torrent sono solo un mezzo di condivisione e non il fine, l’uso di questo protocollo non infrange alcuna legge. la responsabilità è dell’utente finale

    da ciò si vede che non interessa sanzionare i contenuti illegali, ma tentare (che utopia) di eradicare le reti bittorrent, e questo è strano e dà molto da pensare. Perchè mai questo accanimento?

    1. TuttoVolume ha detto:

      E’ lo stesso discorso delle macchine che uccidono i pedoni, sono quelli che la guidano i soli responsabili. Tuttavia, se il 99% delle macchine che circolano causasse incidenti mortali…

  2. […] modesto parere, è un vero spreco di una cosi preziosa risorsa. Dallo studio è emerso che per il 99% dei file che circolano sulla rete BitTorrent si tratta di copie illegali di giochi, film e […]

Rispondi