Google introduce la creazione automatica dei sottotitoli per i video YouTube.

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

YouTube Sottotitoli I sottotitoli, o didascalie che dir si voglia, sono stati aggiunti da tempo come funzione di YouTube, ma sono ancora relativamente pochi i filmati che dispongono anche della trascrizione testuale.

Il motivo è semplice, trascrivere il parlato e sincronizzarlo con il video è un operazione che compie solo chi è pagato per farlo, e sicuramente nessun utente che usa YouTube per cazzeggio farebbe mai un operazione tanto laboriosa.

Ciò potrebbe cambiare presto, in quanto Google sta rilasciando Video Caption and Subtitle, un sistema del tutto automatico per creare le didascalie partendo dall’analisi del parlato.

In pratica, l’utente che carica il video non dovrà fare nulla, mentre un utente con problemi di udito potrà attivare i sottotitoli e godere di tutto il sapere e il cazzeggio che YouTube contiene.

Tale funzione non sarà utile solo per gli audiolesi, in quanto il sistema di riconoscimento è in grado di tradurre il testo in 51 lingue, questo significa che mai come prima YouTube diventerà un sistema universale, decuplicando in una sola volta il suo potere di creare tendenze, insegnare, divulgare e ahimè, tenerci incollati al monitor più di quanto non facciamo adesso.

La tecnologia è la stessa che sta alla base di Google Voice (servizio VoIP ancora non attivo in Italia) e che permette al servizio di trascrivere automaticamente i messaggi vocali per inviarli via e-mail. Ovviamente è lontana dall’essere perfetta, e non sarà una sorpresa trovare errori nelle didascalie, ma sarà un ottimo inizio per rendere il Web molto più accessibile.

Le didascalie automatiche sono disponibili su una manciata di canali YouTube, tra cui Google, YouTube, PBS, National Geographic, MIT, e UCLA. 

L’ampliamento della funzione per la lingua inglese è previsto per la fine della settimana, mentre per tutte le altre lingue ci sarà da aspettare un bel po’. (via)

Rispondi