Woofer: tweet lungi almeno 1400 caratteri.

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

woofer A parte la possibilità di far sapere al mondo cosa state facendo, e pubblicare link ad altro materiale, Twitter è diventato un ottimo insegnante del diretto e coinciso.

I soli 140 caratteri a nostra disposizione, non permettono di dilungarsi troppo, quindi per spiegare un concetto o illustrare quello che poi sarà il vero contenuto collegato tramite link, dobbiamo racchiudere tutto in una frase, a meno che non decidiamo di fare come Matt Stewart che ha pubblicato il suo romanzo, The French Revolution, in pillole da 140 caratteri.

Per quelli di voi che non riescono a concentrare il tutto in un tweet, ora c’è Woofer, un clone di Twitter ma che richiede esattamente l’opposto ai suoi utenti, e cioè di essere il più prolissi possibile.

Il sito nella grafica e nella funzionalità del tutto identiche a Twitter, permette di pubblicare solo aggiornamenti che siano lunghi almeno 1400 caratteri.

woofer 1400 caratteri per un tweet

A parte la pura natura di presa per i fondelli, Woofer offre una filosofia interessante e la possibilità di esprimere un concetto e non solo una telegrafica frase.

Il problema a questo punto sarà trovare il tempo e il materiale su cui scrivere, 1440 caratteri non sono pochi, soprattutto se si pensa che questo post supera di poco i 1600 caratteri.

Se ci arrivate, Woofer vi permette di postare l’aggiornamento e inviarlo automaticamente su Twitter.

Non sarebbe per niente male se non ci fosse l’obbligo di raggiungere i 1400 caratteri, e anzi credo che un sistema simile sarebbe pratico anche in Twitter, ovviamente mostrando in bacheca solo i canonici 140 caratteri, e collegare il resto tramite link.

Rispondi