Picmeleo: web app per il fotoritocco da embeddare sul proprio blog.

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

Picmeleo Due, tre anni fa circa, il web 2.0 accolse le prime applicazioni web per l’editing delle immagini, strumenti che consentono agli utenti di effettuare ritocchi alle foto direttamente dal browser web.

Nel corso del tempo le applicazioni si sono sempre più diffuse migliorando nettamente le funzioni disponibili e integrandosi con servizi di condivisione delle foto quali Flickr e Picasa, tanto che ora possiamo contare su complete suite come quella Aviary in grado di non far rimpiangere le classiche applicazioni desktop, almeno nelle modifiche più basiche.

Picmeleo è l’ennesima applicazione web per l’editing delle immagini, ma con una sostanziale differenza, tutto il comparto degli strumenti può essere embeddato su un sito web o un blog, proprio come se si trattasse di un video YouTube.

Il sito web di Picmeleo non integra l’applicazione web in se, ma offre soltanto la possibilità di iscriversi e prelevare il codice da includere in un sito web esterno. E’ tuttavia possibile provare gli strumenti in una demo che mostra le possibilità che i webmaster possono offrire agli utenti sul proprio sito.

Picmeleo_embed

Le funzionalità offerte dal servizio, seppur basilari, comprendono il minimo indispensabile per ridimensionare, ruotare, tagliare, correggere ed eliminare gli occhi rossi da uno scatto, nonché applicare qualche effetto o agire su brillantezza e contrasto dei colori.

Picmeleo è un servizio gratuito, e per la registrazione è richiesto il dominio su cui verrà incorporato il codice embed, oltre alla classica email e password.

Rispondi