bit.ly ora consente anche la condivisione di immagini, video e documenti.

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

bit.ly Assieme all’impennata di Twitter, anche altri servizi associati alla rete di microblogging hanno raggiunto notevoli successi. Tra questi quello che ha incrementato maggiormente la sua fetta di utenti, è sicuramente bit.ly, un URL shortener che ha conquistato il favore di Twitter, riuscendo a scalzare TinyURL, altro servizio simile che fino al mese scorso era il più utilizzato in assoluto.

Ora che è diventato l’accorcia URL più utilizzato, bit.ly sta espandendo il servizio in altri territori. Dopo il recente arrivo di J.im, ora l’azienda ha integrato le API di yfrog per consentire agli utenti di caricare immagini, documenti o altri tipi di file, e condividerli con il solito short URL. 

bit.ly_file_sharing

Raggiungendo la homepage di bit.ly, ora assieme alla casella dove possiamo inserire l’URL da accorciare, cliccando sul link posto subito sotto, vedremo il classico form che ci permette di caricare un file su Internet.

I file supportati sono: .jpg, .png, .gif, .bmp, .tiff, .swf, .flv, .pdf, .mp4, .mov, .avi, quindi non solo immagini e documenti, ma anche video o animazioni flash. Al termine del caricamento otterremo un URL abbreviato che si potrà condividere nei messaggi e-mail, IM e qualsiasi altro posto sul web.

bit.ly_condividi_file

Come vedrete nella pagina del riepilogo, il file viene archiviato su yfrog, un file hosting gratuito creato da ImageShack con cui è possibile condividere file sulle reti sociali. La convenienza nell’usare bit.ly, e non direttamente yfrog, sta innanzitutto nel fatto che non è necessario autenticarsi, e, altra cosa molto interessante, bit.ly come per i short URL, raccoglie anche le statistiche sul numero di click.

Rispondi