Google Translate: gadget intelligente per la traduzione di un sito web.

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

Google Translate Anche se le traduzioni non sono perfette, Google Translate permette a noi utenti di poter comprendere il senso di una pagina web scritto in 5o lingue differenti. Il miglior modo di tradurre una pagina web con Google Translate, è quello di installare la Google Toolbar, oppure usare un bookmarklet (trascinate questo link per tradurre da qualsiasi lingua in italiano).

Non tutti gli utenti si avvalgono delle traduzioni automatiche, e se avete un sito web o un blog, potrebbe essere molto importante fornire ai propri lettori questa possibilità.

Anche in questo Google Translate può essere d’aiuto, in quanto da sempre offre ai webmaster gadget per tradurre le pagine del sito. Quest’oggi Google ha annunciato di aver ampliato l’offerta, aggiungendo un nuovo gadget per la traduzione dedicato ai webmaster.

A differenza degli altri gadget finora disponibili, questo funziona in modo intelligente, in quanto verrà visualizzato solo dagli utenti che ne hanno la necessità. 

Google Translate gadget

Il gadget confronta automaticamente la lingua del sito web con la lingua di default del computer del visitatore. Se le due non corrispondono, verrà visualizzata una barra sulla parte superiore del sito web con la possibilità di tradurre il testo, senza nemmeno dover scegliere la lingua.

L’installazione del gadget di Google Translate è semplice. Bisogna solo copiare il codice della barra e incollarlo nel layout del proprio sito.

Per chi preferisce il classico gadget di traduzione, raggiungendo questa pagina si può personalizzare il gadget nei colori e dimensione, per poi installarlo nella sidebar del blog.

One Comment

  1. e-assistenzalegale ha detto:

    Onestamente non ritengo questo software molto utile, specie quando ci si imbatte in traduzioni tecniche come le traduzioni giuridche. L’apporto umano in questo settore rimane, a mio modesto parere, fondamentale

Rispondi