Speed Tracer: Google rende disponibile una nuova arma per velocizzare il web.

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

Speed Tracer Dopo Prestazioni sito, un nuovo tool aggiunto agli strumenti per webmaster, utile per analizzare la velocità di caricamento delle pagine web, oggi Google ha donato ai webmaster una nuova arma per realizzare il suo sogno, rendere il web più veloce.

Si tratta di Speed Tracer, un estensione per il browser Chrome, che aiuta i webmaster ad individuare le ragioni per cui il caricamento di una pagina o applicazione web fa passare la voglia di utilizzare il sito.

Speed Tracer è parte di Google Web Toolkit, una suite di strumenti per gli sviluppatori web che Google utilizza per rendere le proprie applicazioni web più veloci.

Speed Tracer monitor

Speed Tracer mostra in modo molto dettagliato e con l’ausilio dei grafici, la velocità di caricamento di ogni elemento incluso in un applicazione web. Un punteggio vicino allo zero per l’asse Y, significa che la vostra applicazione è fulminea, mentre un punteggio vicino a 100 significa che si deve assolutamente intervenire.

In parole semplici, Speed Tracer consente al webmaster di sbirciare sotto le coperte, vedere qual’ è la causa del rallentamento dell’applicazione e a quale punto intervenire per risolvere.

Speed Tracer non è ancora un estensione inclusa nella gallery di estensioni per Chrome, e per installarla occorre sempre aggiungere il solito parametro al collegamento.

Trovate tutti i dettagli sull’installazione, alcuni esempi di utilizzo e altri scenari sulla pagina ufficiale Speed Tracer.

One Comment

  1. Speed Tracer: Google rende disponibile una nuova arma per velocizzare il web. » Tracer, Speed, Google, Chrome, Read, qualSi » Erotik Geld Verdienen ha detto:

    […] the original: Speed Tracer: Google rende disponibile una nuova arma per velocizzare il web. Share and Enjoy: Diese Icons verlinken auf Bookmark Dienste bei denen Nutzer neue Inhalte finden […]

Rispondi