Calcolare la potenza dell’alimentatore richiesta dalle componenti del tuo computer.

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

17-153-043-TS Recentemente avete aggiornato l’hardware del vostro computer, aggiungendo un nuovo hard disk, un banco di memoria, oppure avete sostituito la scheda video con una più performante, e ora il computer si blocca all’improvviso? Molto probabilmente, la causa può essere imputata ad una mancanza di potenza dell’alimentatore montato nel sistema. Non è una novità che i produttori installino un alimentatore, che riesce pelo pelo a fornire energia per le parti presenti al momento dell’acquisto, e quindi se un giorno si decide di espandere la configurazione, aggiungere anche solo un hard disk, richiede la sostituzione dell’alimentatore con uno più performante.

Newegg, un famosissimo (almeno per gli anglofoni) store on-line, specializzato nella vendita di componentistica, e mecca degli amanti del modding, ha reso disponibile per gli utenti, Power Supply Calculator, un utilissimo strumento in grado di calcolare la potenza richiesta da un sistema secondo le componenti scelte.

Newegg_power_supply_calculator

Per utilizzare lo strumento è necessario conoscere la parti che compongono il sistema, che dovranno essere inserito nel modulo. Power Supply Calculator, anche se non aggiornatissimo, comprende la maggior parte delle componenti interne attualmente in commercio.

Una volta inserite tutte le parti, cliccando sul pulsante Calculate, in un paio di secondi apparirà il risultato che ci dirà la potenza richiesta, e che quindi dovrà avere l’alimentatore che decideremo di acquistare.

power_supply_calculator

Nell’acquisto è molto importante tenere conto delle successive evoluzioni del nostro computer, questo significa che se Power Supply Calculator ci dirà di acquistare un alimentatore di 400 W, noi dovremo tenere conto di eventuali aggiornamenti futuri delle componenti. Inoltre cliccando sull’ultimo pulsante Find PSUs, verremo diretti nello store dove sarà possibile acquistare l’alimentatore secondo i risultati calcolati. Questo non significa che dovremo per forza concludere l’acquisto, ma possiamo anche sfogliare i vari prodotti, e segnarci un modello che poi andremo ad acquistare nello store on-line o dal negoziante di fiducia.

Power Supply Calculator può esserci d’aiuto anche se decidiamo di mettere assieme un sistema, scegliendo noi stesso le parti una ad una. (via)

Leggi anche: Test on-line per scoprire se il tuo PC è in grado di supportare uno specifico video games.

5 Comments

  1. qualcosa di piú “automatico” non esiste? anche perché la scheda video, ad esempio, varia di molto la potenza succhiata in caso di riposo o full load… quel coso credo che si limiti a fare una stima del massimo….

    8800GTX x2? mi fai fare una partitina? 😀

  2. TuttoVolume ha detto:

    Purtroppo è l’unica cosa del genere che conosco, e ho visto che i componenti non sono recentissimi, ma è comunque utile per fare una stima per difetto. Ad esempio nel mio caso ho inserito 2 8800 GTX, anche se il mio sistema in realta ne ha 1 GTX 280 (adatta perché posso avere due montir separati, e non il desktop clonato che invece offre la configurazione SLI) che è molto più esosa di 2 8800 GTX, e inoltre il processore è un iCore, ma qui non ci sono problemi, perché la CPU i7 consuma meno della quad core. Il risultato è stato 870 W, ma io ho un alimentatore di 1000 W(un Cooler Master Real Power modulare), che ho dovuto comprare a parte perché quello da 900 non riusciva ad alimentare bene, e inoltre faceva un gran casino, mentre con quello da 1000 normalmente non si avverte per nulla la presenza, e anzi si sentono di più gli hard disk. Comunque per trovare un alimentatore puoi anche fare un giro nei siti di modding, dove trovi le configurazioni per ogni genere di componentistica.

    Se vuoi ottenere prestazioni di 2 8800, spendendo appena 170 Euro, ti consiglio di acquistare 2 Shappire HD4770 (anche una va bene) la prima scheda sotto i 100 euro dotata di Vram DDR3, offre ottime prestazioni, senza svenarsi per sostituire alimentatore, e aumentare il sistema di dissipazione.

  3. si ma poi stavo pensando.. é abbastanza inutile fare un software stand-alone.. bastava un semplicissimo programmino via web che aveva parecchi meno sbattimenti 😛

    comunque credo che per misurare l’effettivo utilizzo di energia la cosa migliore sia il wattametro 😛

  4. TuttoVolume ha detto:

    Non ti seguo Ale, questo qui di Newegg è un applicativo web, e non un programma desktop.

  5. ah okkey ero io che non ti seguivo xD

Rispondi