Windows 7: in Italia pre-ordini dal 1° settembre, ma niente Family Pack e nessun offerta promozionale.

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

windows 7 Quest’oggi la Microsoft ha finalmente chiarito alcuni punti tenuti in sospeso, rendendo finalmente disponibili i piani di commercializzazione del suo prossimo sistema operativo anche per noi europei, e in particolare tutti i paesi non inclusi finora nelle precedenti comunicazioni.

Il comunicato fa capire che la proposta di Browserballot è stata accettata dall’Unione Europea,  e che quindi ci sarà una sola versione di Windows 7 uguale per tutto il mondo. Gli utenti europei potranno scegliere il browser che vogliono utilizzare subito dopo aver avviato Internet Explorer per la prima volta.

Il punto più interessante della nota riguarda sicuramente le date in cui avremo la possibilità di pre-ordinare Windows 7.

A parte francesi, tedeschi e inglesi, tutti gli altri, quindi anche noi italiani, potremo pre-ordinare una licenza del sistema a partire dal 1° settembre. Inoltre visto che sarà disponibile anche la versione Upgrade, mentre prima non esisteva tale possibilità per via di Windows 7 E, i clienti potranno scegliere se acquistare una licenza full, o optare per quella upgrade che consentirà solo l’aggiornamento da una precedente installazione di Windows Vista, e sarà soggetta alle limitazioni descritte nei percorsi di aggiornamento.

Questo significa che non avremo più la possibilità di acquistare una licenza Full al prezzo di una Upgrade, e non potremo nemmeno approfittare delle offerte promozionali viste finora in tutto il mondo, dove gli utenti hanno potuto acquistare Windows 7 alla metà del prezzo.

E questo non è tutto, anche il Family Pack, opzioni che permette di installare il sistema su tre PC ad un prezzo ridotto, sempre per noi italiani, non sarà disponibile, e la licenza verrà venduta esclusivamente nel Regno Unito, Irlanda, Germania, Francia, Svizzera, Austria, Paesi Bassi e Svezia oltre a Stati Uniti e Canada, per un periodo di tempo limitato.

Insomma sembra che la Microsoft abbia deciso di farla pagare a noi l’imposizione dell’Anti Trust, che non solo non è servita a nulla, perché alla fine Internet Explorer in Windows 7 ci sarà lo stesso, ma ci ha impedito anche di approfittare delle offerte promozionali disponibili ancora ora in molti paesi.

2 Comments

  1. […] proposito, ricordatevi che dal 1° settembre inizieranno le pre-vendite di Windows 7 anche in Italia. Tweet This!Share this on FacebookShare this on FriendFeedStumble upon something good? Share it […]

  2. Anonimo ha detto:

    ….

Rispondi