Microsoft accusata di plagio. Il tool Windows 7 USB / DVD conterrebbe linee di codice con licenza GPL.

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

Plagio programma GPL Assieme a Windows 7, Microsoft due settimane fa rilascio anche un tool con cui l’utente può creare una versione USB del DVD di installazione, e usarlo per installare Windows 7 sui PC che non sono dotati del drive ottico.

Qualche giorno fa alcuni utenti hanno segnalato che il tool Windows 7 USB / DVD non era più presente nello store Microsoft. Infatti visitando la pagina, tutt’ora si riceve un messaggio che avvisa l’utente che la pagina non esiste.

Il motivo del ritiro ci viene spiegato da Rafael Rivera sul suo blog Whitin Windows.

Senza mezzi termini, Rafael sostiene che alcune parti del codice di Windows 7 USB / DVD Tool siano state indebitamente rubate da un programma open source distribuito sotto licenza GPL.

example1

Il programma in questione si chiama ImageMaster, progetto ospitato sul servizio CodePlex che fa parte dei siti Microsoft. L’accusa mostra anche alcune prove a favore della tesi di plagio, e il fatto che Microsoft abbia inserito i propri termini di licenza, non fa che indispettire ancor di più i creatori delle linee di codice.

La Microsoft al momento non ha commentato la vicenda, ma come prima misura ha ritirato il tool.

Comunque se ne avete bisogno, potete ancora scaricare Windows 7 USB / DVD Tool su MajorGeeks, oppure utilizzare un ottima alternativa come WinToFlash. (via)

3 Comments

  1. […] del rilascio di Windows 7 USB / DVD Tool, in teoria, la spinosa questione che ha visto la Microsoft accusata di aver copiato parte del codice GPL di un programma simile, dovrebbe essere […]

  2. […] risiamo. Poche settimane dopo l’increscioso incidente, che ha visto la Microsoft colpevole di aver copiato il codice sorgente di un programma distribuito con licenza GPL, gli sviluppatori Microsoft vengono colti di nuovo con […]

  3. […] la Microsoft che oltre questo caso, è stata accusata altre due volte in poche settimana per violazione della licenza GPL e plagio del sito […]

Rispondi