Periodo duro per i tracker torrent, dopo TPB, chiuso anche BTArena, mentre Mininova viene avvisato.

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

pirati del file sharing Sono giorni duri per i tracker torrent, e sembra che le major spalleggiate dalle autorità in questi giorni abbiano deciso di sferrare gli attacchi finali, e radere al suolo la città del file sharing selvaggio.

Pochi giorni fa la corte svedese intimò la chiusura al provider del popolare tracker bittorrent The Pirate Bay. Non sono passati nemmeno 24 ore, che il sito è stato di nuovo ripristinato, tra l’altro lanciando anche una provocazione verso gli artefici del provvedimento sotto forma di un T-Shirt che recita,” Ho speso mesi di tempo e milioni di dollari per chiudere The Pirate Bay e tutto ciò che ho ottenuto è questa splendida T-Shirt”.

the pirate bay t-shirt

Ma non solo The Pirate Bay, è nei guai in questi giorni. Forse conoscete già il sito chiamato BTArena spuntato di recente, sito che offre la copia completa degli indici di Pirate Bay e di tutti i torrent in esso contenuti. Bene, il sito è appena nato e già è stato minacciato dalle autorità rumene con tanto di citazione in giudizio da parte della RIAA.  Non so se centri con questo, ma fatto sta che attualmente il sito non risulta accessibile.

Ma non finisce qui, oggi un giudice olandese ha stabilito che il tracker Mininova, anche se non è direttamente responsabile per ogni violazione del copyright, dovrà comunque rimuovere i link che portano a materiale protetto, dando ai gestori 3 mesi di tempo. Se non venisse rispettata la scadenza, gli amministratori di Mininova potranno incorrere in guai seri, partendo da una multa che va da 5 milioni a 7 milioni di dollari, fino ad arrivare al arresto.

logo Mininova ha riferito che la rimozione dei torrent che violano i diritti, è già stata avviata, e che una buona parte del lavoro è stato già svolto dal filtro integrato qualche mese fa.

Insomma un duro colpo sferrato su più fronti, e con tutta la buona volontà, anche se i tracker riescono a rimuovere tutti i contenuti illegittimi, a questo punto non credo ci sarà più motivo di restare in attività.

Voi cosa pensate? I tracker torrent, senza materiale protetto, potranno prosperare in futuro?

4 Comments

  1. […] che il video oltre a far ridere, servi a ben poco, e questo dimostra come le varie associazioni che lottano per difendere il copyright siano lontane dalla […]

  2. […] The Pirate Bay, in questi ultimi mesi di lotto al download selvaggio si è parlato molto anche di Mininova, noto portale creato da cinque studenti olandesi, divenuto nel tempo una delle fonti più fornite […]

  3. […] un provvedimento che gli imponeva di bloccare i torrent che permettevano il download di contenuti protetti, il team di Mininova ha fatto piazza pulita di […]

  4. […] Mancano poche settimane alla fine del 2009, anno particolarmente travagliato per i gestori di siti e tracker torrent. […]

Rispondi