Office 2010 Ballot Screen per la scelta del formato di default (OOXML e ODF).

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

Ora che è stata chiusa la questione Ballot Screen e si sa che verrà rilasciato la prossima settimana per i sistemi Windows dell’Unione Europea, la Microsoft deve nuovamente discutere un schermata di scelta, ma questa volta riguardante il primo avvio di Office 2010.

La RC di Office 2010 è già nelle mani dei beta tester, e proprio da uno di loro arriva lo screenshot della finestra che viene aperta al primo avvio di un applicazione della suite e che chiede di scegliere il formato di default in cui verranno salvati i documenti, offrendo i formati OOXML e ODF come opzioni.

Proprio come il Ballot Screen, la schermata di scelta del formato verrà visualizzata solo nelle versione europee di Office 2010. La scelta è puramente indicativa, in quanto gli utenti potranno comunque utilizzare entrambe i formati di volta in volta, o impostare come predefinito l’uno o l’altro in secondo momento dalla Impostazioni del programma.

Office_2010_Scelta_Formato

Tale schermata è stata adottata per dare soddisfazione alla ODF Alliance, il consorzio che si occupa di garantire il supporto dei formati Open tra le varie applicazione Office in circolazione.

Tuttavia, sembra che ciò non sia abbastanza e la ODF Alliance vuole uno sforzo maggiore da parte della Microsoft, chiedendo innanzitutto che l’ordine delle scelte sia casuale, e non prima il formato OOXML e dopo quello ODF.

Inoltre, non va giù la descrizione che accompagna le scelte della schermata, dove si avvisa l’utente che scegliendo il formato ODF alcune caratteristiche di Office 2010 non saranno più accessibili. ODF Alliance chiede che sia lei stessa a redigere la descrizione, cosi come ha potuto fare Microsoft.

Personalmente ritengo che la Microsoft abbia fatto più del dovuto. Il formato ODF è pienamente supportato da Office 2010, ma ciò non toglie che l’azienda di Redmond sia libera di scegliere il formato predefinito, non fornendo nessuna schermata all’utente che avrebbe comunque la possibilità di cambiarlo dalle impostazioni.

Secondo me si sta degenerando. La situazione di Internet Explorer pre-installato nei sistemi Windows è un discorso diverso. Qui si parla di un programma acquistato a parte, e credo che l’utente sia in diritto di sapere che scegliendo il formato ODF alcune funzioni non saranno più utilizzabili.

La ODF Alliance dovrebbe invece assicurarsi che il supporto per il formato ODF sia all’altezza della situazione, e fare in modo che gli utenti che vorranno utilizzarlo godano della stessa identica esperienza offerta dal formato OOXML.

(via – Neowin)

One Comment

  1. lzk87 ha detto:

    perchè non fare la stessa cosa su open office ? per impostare il DOC di default (che faccio sempre xkè di ODT non me ne passano mai) bisogna passare dalle opzioni e via dicendo…
    boh, sono altre le cose da controllare secondo me..

Rispondi