Toyota: il richiamo di migliaia di auto potrebbe essere legato ad un problema software.

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

toyota_logo I computer sono sempre più parte integrante delle nostre vite, anche delle vite di chi non lo utilizza affatto un computer, anzi, per dirla tutta, lo utilizza senza saperlo.

Già da qualche anno i computer fanno parte della componentistica di un automobile. Prima erano riservati ai modelli più esclusivi, mentre ora vengono inclusi nei pacchetti base di molti veicoli, anche utilitarie.

La notizia di un ritiro di massa annunciato dalla Toyota, l’azienda che produce più veicoli al mondo, ha suscitato scalpore per molti, mentre per altri ha avuto un risultato ben più tragico. Sono ben 260.000 solo in Italia i veicoli che verranno richiamati per problemi all’acceleratore, e altri 2500 modelli ibridi che invece necessitano di una revisione all’impianto frenante ABS.

I modelli di veicoli richiamati, sono tutti dotati del sistema Fly-by-wire, una tecnologia che controlla i comandi dei pedali. In pratica, i pedali del gas e del freno, non sono collegati direttamente all’iniettore o alle pinze dei freni, bensì sono collegati digitalmente al computer della vettura che interpreta la pressione esercitata e invia il segnale alla farfalla dell’iniettore e alle pinze dei dischi.

Usando questa tecnologia il computer può intervenire attivamente sui comandi, e facilitare la guida, riducendo i rischi che derivano dal pattinamento o dal bloccaggio delle ruote.

Computer World fa sapere che molto probabilmente il problema riguarda proprio il computer di bordo e i software che svolgono le varie funzioni, causando comportamenti anomali dei suddetti comandi.

E’ certo che le autovetture odierne sono mille volte più sicure di quelle di una volta, ma chi utilizza il computer da qualche tempo sa bene quanto possano essere dispettosi smettendo di fare il loro dovere tutto d’un colpo, o come in questi casi, presentino anomalie anche dopo svariati test.

2 Comments

  1. christian m ha detto:

    ahahaha ci sara’ ubuntu installato!!!

    1. TuttoVolume ha detto:

      Forse non sarà Ubuntu, ma sicuramente qualcosa che deriva da Linux come già succede in molti dispositivi.

Rispondi