Facebook diventerà un client webmail simile a Gmail con supporto POP e IMAP.

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

Facebook_Client_Webmail Personalmente, quando devo dire o inviare qualcosa a qualcuno su Facebook, preferisco utilizzare la posta di Facebook invece di pubblicare un commento in bacheca. Per tutto il resto, odio profondamente la posta elettronica di Facebook, e questo perché quasi sempre viene utilizzata per spammare gli utenti con migliaia di messaggi inutili.

In un futuro molto prossimo, la posta elettronica di Facebook potrebbe assumere tutta un altra dimensione, se i rumors che circolano da tanto ormai, e le indiscrezioni pubblicate da TechCrunch provenienti da una fonte molto accreditata, si rivelassero esatti.

Il progetto soprannominato Titan, trasformerà la posta elettronica di Facebook in un completo client di posta elettronica del tutto simile a Gmail dotato anche del pieno supporto per il protocollo POP e IMAP. Secondo Michael Arrington l’indirizzo non sarà altro che l’attuale Vanity URL dei profili, seguito da @facebook.com.

Facebook_webmail

In parole povere, gli utenti potranno utilizzare la posta elettronica di Facebook alla pari di Gmail e inviare o ricevere messaggi (comprensivi di allegati) anche all’esterno della rete sociale, potendo persino farlo senza passare per il browser bensì mediante un client email che supporta il protocollo POP o IMAP (quest’ultimo non offerto nemmeno da noti provider come Yahoo! Mail o Hotmail) come Thunderbird, Outlook, Windows Live Mail o un client per il cellulare.

Con 400 milioni di utenti all’attivo (numero che verrà raggiunto entro la fine di questa settimana), Facebook potrebbe diventare un serio e temibile concorrente per tutti gli altri servizi di webmail.

Come vedreste la novità?

8 Comments

  1. MySelf_v1 ha detto:

    Ciao, mi interessa sapere come si chiama il plugin che hai utilizzato per lo sharing 🙂 …

    Portresti dirmelo?

    Cordiali Saluti,
    -MySelf_v1

    1. TuttoVolume ha detto:

      Non ho capito di quale plugin parli

      1. MySelf_v1 ha detto:

        Sharing is Sexy, quello sopra al mio commento 🙂

          1. TuttoVolume ha detto:

            Anzi no si chiama Sexybookmark: http://sexybookmarks.net

  2. evilripper ha detto:

    Anche a me danno fastidio tutte quelle email di notifica di fb , infatti ho messo delle regole per redirezionarle in una cartella apposita o direttamente nel cestino.Tuttavia mi pare esagerato creare una gui simile a gmail per lo (spammoso) sistema messagistico di fb.
    Oltretutto l’email e’ un sistema di comunicazione informaticamente parlando preistorico, se fb invece di innovare si ritrova dover fornire un servizio email qualcosa e’ andato storto…
    ps
    Anche se a livello embrionale, meglio googlewave che si propone come un’alternativa all’email.

    1. TuttoVolume ha detto:

      Anche se antiquato, ad oggi l’email è ancora il sistema di comunicazione diretta più utilizzato su Internet. Quando ho parlato di una somiglianza con Gmail, era per far capire che l’email di Facebook potrà essere utilizzata come tutti gli indirizzi @gmail.com, e quindi anche per registrarsi ad un sito web, per esempio, oppure ricevere la posta da altri utenti che non sono iscritti a Facebook. La somiglianza nasce per il supporto a Imap e Pop, protocolli offerti gratuitamente solo da Gmail. Per la GUI non saprei dirti, ma credo resti identica a quella che è adesso.

      Comunque, se non vuoi ricevere le notifiche, ti basta modificare le impostazioni del tuo account Facebook, e togliere la spunta dalle varie notifiche presenti nella sezione Mail. Almeno cosi eviti che i messaggi raggiungano la casella di posta, restando solo su quella Facebook.

      Ciao ciao

  3. […] google_ad_slot = "4413141987"; google_ad_width = 336; google_ad_height = 280; Ogni volta che un servizio come Facebook riceve un aggiornamento che riguarda le funzioni del social network o il layout delle pagine, le […]

Rispondi