La crescita delle reti sociali nel mese di aprile.

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

icon_trends Dopo l’analisi su browser e sistemi operativi, questa volta l’oggetto dello studio sono le reti sociali, che rappresentano una grande quantità di traffico generata dalla molte enorme di utenti che le popolano.

Le due più grandi reti sociali sono MySpace e Facebook. Da un lato abbiamo un vecchio, dimenticato e obsoleto MySpace, che si è mantenuto sullo stesso livello per diversi anni, e ora sembra avere una fase di stallo con un leggero calo dello 0,6% nel mese di aprile, mentre il calo nel 2009 è stato dell’8,61%. Individuare il perché di questo calo è difficile, ma probabilmente il perché è da attribuire più al successo delle altre reti, e al fatto che MySpace sia entrato già nella fase del “passato di moda”, che secondo molti in futuro toccherà anche ad altri colleghi. 

facebook

La principale  alternativa trovata dagli utenti di MySpace, è certamente Facebook, che ha conquistato migliaia di utenti a un ritmo frenetico. Come mostrato nel grafico, Facebook mostra una chiara tendenza al rialzo, che dura da ottobre, con una crescita nel mese di aprile del 4.6%, meno della metà confrontata con quella dello scorso mese, fattore del tutto normale, visto che  oramai chi doveva ancora creare il profilo a quest’ora lo ha già fatto.

twitter_compete

La rete cresciuta maggiormente negli ultimi periodi è senza dubbio Twitter, che ha avuto un impennata pazzesca portandosi dalle 14.000.000 di visite del mese di marzo ai 19.000.000 di aprile, e una crescita in percentuale del 36,56%, che anche se minore del 76,8% del mese scorso, non è comunque niente male.

Personalmente non mi è mai piaciuto MySpace, e dal mese di settembre dell’anno scorso, o cominciato a schivare anche Facebook, che ritengo comunque un prezioso strumento che è riuscito dove altri hanno fallito, e cioè a portare un PC in molte case, specialmente qui in Italia.

images Fino a una decina di mesi fa, ho usato con soddisfazione le utili funzioni di comunicazione rapida messe a punto da Zuckerberg, purtroppo con l’arrivo della massa è arrivata anche la spazzatura e lo spam, ho provato invano a scremare gli elementi rimuovendo gli inviti a gruppi, test e altre cacchiate varie, ma alla fine mi sono accorto che rimaneva ben poco da sfogliare, quindi ora faccio solo qualche fugace capatina, ma niente di più.

L’unica rete a cui sono affezionato e uso con soddisfazione, è Twitter, divenuto per me una grande risorsa, di cui non potrei fare a meno. Spero solo che questa crescita non porti anche li troppa confusione, anche se purtroppo so già che questo accadrà di certo, e si avvertono già le prime avvisaglie. (via)

Mi farebbe piacere sentire le vostre considerazioni in merito, e aprire una discussione nei commenti.

5 Comments

  1. […] permette di collegarsi a internet e usare tutte le funzioni di Facebook, Live Messenger, Skype, Google, YouTube ecc, oltre ad essere dotato di una fotocamere da 3.2 MP di […]

  2. […] novità. Di recente personaggi pubblici come Barak Obama e Oprah Winfrey, hanno più volte usato la rete sociale del momento per comunicazioni in linea dirette con i propri […]

  3. […] dei 140 caratteri per ogni post, è sicuramente l’elemento, o uno di essi, che ha sancito il clamoroso successo di Twitter, ma allo stesso tempo, rappresenta anche un limite che a volta può essere molto […]

  4. […] scia del successo di Twitter, nascono decine di nuove applicazioni e servizi che sfruttano la popolarità della piattaforma per […]

  5. […] una trovata geniale, ma visto l’uso selvaggio che molti ne hanno fatto, e considerando che ormai Twitter è famoso, io prenderei la decisione di abolirli completamente, magari restringendo lo spazio a 130 caratteri […]

Rispondi