Google in tilt: tutto risolto ma resta il problema del web con una sola porta d’accesso.

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

Momenti di panico si sono vissuti per circa mezz’ora nel mondo del web. Il panico arriva da un bug o un virus che ha alterato i risultati delle ricerche effettuate su Google.

«Questo sito potrebbe arrecare danni al tuo computer». È questa la scritta che appariva nei risultati di ricerca, con qualsiasi termine essa veniva effettuata ed è la prima volta nella storia di Google. L’evento si è verificato in tutte le localizzazioni del motore di ricerca e la natura del problema non è ancora stata determinata.  
In pratica ad ogni risultato veniva aggiunta la frase «questo sito può contenere materiale pericoloso» e se si cliccava sul link della ricerca, compariva una pagina che invitava a non andare avanti perché il sito era potenzialmente pericoloso.  

1024 L’inconveniente è stato presto risolto dai tecnici di Mountain View, ma l’evento dovrebbe far riflettere tutti su come e cosa è diventato Google. Pensate se una catastrofe o uno squadrone di hacker un giorno pensasse di attaccare in massa i server di Google in tutto il mondo, è inutile dire che l’intero sistema andrebbe in crisi, con ripercussioni enormi non solo nel mondo del web, ma anche nel reale, perché l’interruzione del servizio anche solo per qualche ora o addirittura un intera giornata, farebbe registrare perdite di parecchi milioni di dollaroni.

Rispondi