Google Buzz: il nuovo servizio che trasforma Gmail in un social network.

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

Google_Buzz C’ho azzeccato alla grande ieri quando ho pronosticato che poteva chiamarsi Google Buzz il nuovo servizio sociale integrato in Gmail, confermato pochi minuti fa dal vicepresidente sul blog ufficiale.

Google Buzz sarà presente nelle caselle di posta Gmail sotto forma di semplice etichetta, ma che apre la finestra ad un mondo di informazioni in tempo reale provenienti da principalmente da Twitter ma anche da Google Reader, YouTube, Picasa e Flickr.

(clicca sull’immagine per visualizzare un esempio di conversazione)

Google_Buzz_Client

Non pensate a Google Buzz come un client per Twitter, si tratterà di un servizio del tutto separato, dove gli utenti potranno pubblicare aggiornamenti, e renderli pubblici o privati, facendo affidamento sulla possibilità di gestire gruppi e scegliere quali utenti potranno leggere il post.

Gli utenti che passano poco tempo su Gmail perché utilizzano un client email, avranno comunque la possibilità di seguire i Buzz più interessanti, in quanto sarà possibile ricevere gli aggiornamenti cosi come si ricevono le email da Gmail.

Ovviamente, Google non poteva dimenticarsi del mondo mobile, infatti Google Buzz è disponibile anche per i telefoni cellulari, e non solo quelli Android, e si potranno leggere i commenti degli utenti anche sulle mappe di Google.

Google_Buzz_Mobile

Google Buzz verrà reso disponibile nei prossimi giorni a tutti gli utenti Gmail. Cosi come altre novità, il rilascio sarà graduale.

4 Comments

  1. […] primi giorni di vita del neonato Google Buzz, non sono stati molto confortanti. Per carità, gli utenti lo hanno utilizzato, e non potrebbe […]

  2. […] come questa volta Google ha fatto tesoro dei feedback inviati dagli utenti insoddisfatti del nuovo Google Buzz, e vuole immediatamente provvedere ad applicarli per migliorare il servizio, rendendolo più […]

  3. […] esempio, in questi giorni si sta parlando spesso di Google Buzz, il nuovo social network entrato a far parte della casella di posta Gmail. Perché non dargli un […]

  4. […] il primo motore di ricerca a supportare le ricerche negli aggiornamenti pubblicati sul nuovo social Google Buzz, e anche se di default i risultati provengono dai Buzz, il motore supporta diversi altri servizi, […]

Rispondi