Google Buzz: migliorie in arrivo nate dai feedback inviati dagli utenti.

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

Mai come questa volta Google ha fatto tesoro dei feedback inviati dagli utenti insoddisfatti del nuovo Google Buzz, e vuole immediatamente provvedere ad applicarli per migliorare il servizio, rendendolo più configurabile e soprattutto più attento alla privacy.

La prima richiesta degli utenti, è stata quella di rivedere il sistema dell’auto following dei contatti, che in principio decideva in base alla corrispondenza di Gmail quali contatti seguire. Con le prossime modifiche l’utente avrà la possibilità di scegliere, e Buzz si limiterà solamente a suggerire i contatti da seguire lasciando a noi la decisione di farlo o meno.

Welcome_Google_Buzz

Inoltre, gli account Picasa Web Album e Google Reader, non saranno più collegati automaticamente al profilo Buzz, lasciando anche in questo caso all’utente la facoltà di farlo.

Per finire, tra le impostazioni di Gmail verrà implementata una sezione dedicata a Buzz, dove l’utente potrà decidere di mostrare o meno su Google Profile i contatti che seguiamo, e nascondere o disabilitare del tutto Buzz che a quel punto non comparirà più nella casella di posta.

Impostazioni_Google_Buzz

Le novità verranno rilasciate al più presto, inoltre nei prossimi giorni arriveranno anche ulteriori dettagli sulle indiscrezioni di un paio di giorni fa che parlavano di una versione Standalone di Google Buzz, completamente indipendente da Gmail.

Personalmente ritengo manchi ancora qualcosina, una su tutte la possibilità di impostare un nome utente Buzz che sia del tutto indipendente dal profilo Google e quindi dal nostro indirizzo di posta Gmail.

Tale opzione sarebbe sicuramente utile anche per scongiurare la necessità di registrare un nuovo account solo per usare Buzz senza legami con l’account che adoperiamo per lavorare con email e documenti, guadagnare grazie ad AdSense o fare tutte le altre cose che ci vengono fornite con un solo profilo Google.

(via – Gmail Blog)

2 Comments

  1. […] oggi Google ha rilasciato alcuni aggiornamenti per Buzz che dovrebbero risolvere i problemi in termini di privacy, anche se sono portato a pensare che […]

  2. […] notifiche via e-mail che non sempre sono desiderate dagli utenti, ecco perché in seguito ai feedback ricevuti, Google ha deciso di offrire un maggiore controllo su questo […]

Rispondi