It’s a Trap: test di protezione anti-phishing per Firefox.

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

It's a trap Gli sviluppatori Mozilla hanno deciso di fare sul serio, e si sono impegnati nel far acquisire una certa consapevolezza agli utenti, mettendoli in guardia sui pericoli del web, e offrendo le soluzioni agli eventuali problemi.

Le ultime versioni di Firefox integrano una pagina Wath’s New che compare subito dopo aver aggiornato il browser, e avvisa l’utente se il plugin Flash Player è aggiornato all’ultima versione, rendendo disponibile anche il collegamento per procurarsela.

Sulla stessa linea, che si è rivelata positiva, ieri venne annunciato Plugin Check, una nuova pagina ancora in fase di sviluppo, che allarga la funzione di Wath’s New per il plugin Flash Player, a tutti gli altri plugin del browser tendenzialmente a rischio, come: Java, Windows Media Player Plugin, Real Player, QuickTime, Acrobat e Shockwave.

Quest’oggi gli sviluppatori Mozilla annunciano un altra nuova pagina, questa volta pensata per il rilevamento delle impostazioni corrette per la funzione anti-phishing integrata in Firefox.

It's a Trap tentativo di phishing

Raggiungendo la pagina It’s a Trap, si dovrebbe vedere il classico avviso che ci segnala un sito contraffatto (screenshot sopra). Questo significa che le impostazioni per la protezione sono attive e funzionano correttamente.

It's a Trap Mozilla

Se cosi non fosse, al posto dell’avviso vedremmo la pagina It’s a Trap caricarsi normalmente, il che vuol dire che sarà necessario correggere i settaggi raggiungendo la scheda Sicurezza della finestra Opzioni di Firefox, e abilitando le prime 3 caselle.

La pagina It’s a Trap funziona solo con Firefox, quindi non allarmatevi se con altri browser siete riusciti a caricare la pagina.

Firefox-impostazioni.anti-phishing

Credo che gli sviluppatori Mozilla stiano facendo un ottimo lavoro, e questo ci fa capire come un prodotto open source, che non riceve denaro per il lavoro e gli sforzi compiuti, possa preoccuparsi molto più della sicurezza degli utenti, di quanto non facciano le aziende di altri rinomati e diffusi browser.

Rispondi