Fate attenzione agli sciacalli su Facebook.

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

Anche stavolta, nella grave catastrofe accaduta in Abruzzo, l’Italia ha saputo mostrare il meglio di se, e un umanità che altre popolazioni possono solo invidiarci. Purtroppo però le persone stupide, immonde, ignobili (aggiungete voi quelli restanti) non mancano anche in questa grave occasione.

Come succede in questi casi, organizzazioni, enti pubblici o privati, avviano campagne solidali per raccogliere fondi e aiuti di ogni genere, ovviamente c’è chi sfrutta queste situazioni per fini di sciacallaggio. Le potenzialità del web che permettono di diffondere in tempo reale, danno modo  a questi elementi di approfittare di modalità che un tempo non erano possibili. E chi se non Facebook poteva fare da tramite?

images Tutto nasce da un profilo sul noto e frequentato Facebook, dove è stata avviata una raccolta fondi abbinata ai nomi della società AC Milan e di Mediaset. Nella pagina campeggia il messaggio  “Mediasetpremium in collaborazione con Ac Milan sta raccogliendo fondi per la popolazione dell’Abruzzo colpita dal terremoto. Se volete devolvere anche una minima cifra potete farlo su Carta Lottomaticard.”  

Ovviamente si tratta di una truffa, e in questo caso parlare di scherzo è fuori luogo vista la tragedia che riguarda migliaia di persone. Inoltre tale vicenda si ripercuote anche sul mondo del web fatto da utenti che hanno veramente a cuore i destini di questi nostri sventurati fratelli.

Se avete intenzione di collaborare inviando danaro, prima di effettuare il versamento, verificate bene a quale associazione state mandando i soldi. Per questo potete sfruttare anche la pagina dedicata creata da Google, contenente i link alle associazioni. Inoltre prestate attenzione anche a eventuali mail phishing o di spam che non tarderanno ad arrivare. (via)

P.S._Se avete informazioni su chi ha creato il profilo, vi chiedo di diffonderlo, se non volete farlo in prima persona, ditelo a me, sarò io a impegnarmi per fare in modo che un elemento simile non possa più avvicinarsi a un computer.

One Comment

  1. […] giorno su Facebook, oltre a chiacchierare, condividere link e video, e compiere atti di sciacallaggio, vengono caricate migliaia di immagini che possono essere sfogliate, sempre se abbiamo accesso al […]

Rispondi