L’ICANN approva i domini web con caratteri non latini.

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

icann-flags Se ne era parlato molto nelle ultime settimane, e come previsto, l’ICANN, l’organismo internazionale che regola i nomi di dominio Internet ha approvato una nuova norma che permette di creare URL scritti con caratteri non latini.

In altre parole, arabi, cinesi, greci, hindi, giapponesi e tutti gli altri popoli che usano caratteri diversi da quelli che usiamo noi, saranno in grado di digitare indirizzi web usando il loro alfabeto.

La novità interessa circa 1,6 miliardi di utenti, in pratica l’altra metà del popolo di Internet.

Dominio in cinese

Le nazioni saranno in grado di applicare estensioni di dominio che riflettono la loro regione a partire dal 16 novembre. Questo significa che entro la metà del 2010 si inizieranno a vedere domini con caratteri non latini spuntare qua e la nei motori di ricerca.

Quello che mi chiedo è, per le lingue in cui si scrive da destra verso sinistra, l’indirizzo, in quale senso dovrà essere digitato?

One Comment

  1. […] è ha un idea ben strutturata, potrebbe partire con un grosso vantaggio se il sito fosse legato al dominio […]

Rispondi