Due esperti di sicurezza dimostrano quanto sia semplice creare una botnet di dispositivi mobile.

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

Virus_Smartphone Con l’esplosione del mercato degli smartphone, era inevitabile che questo genere di dispositivi diventassero il nuovo obiettivo dei "cattivi”. Sono già molti gli esempi di virus progettati specificamente per questo tipo di terminali, ma secondo gli esperti di sicurezza il peggio deve ancora arrivare, e questa tendenza sarà sempre in aumento nel corso del tempo.

Nonostante questo, gli utenti non sono ancora a conoscenza circa i pericoli che potrebbero arrivare dai loro preziosi smartphone Android o iPhone, o forse lo sanno, ma sottovalutano il problema, credendo sia ancora circoscritto a pochi sfortunati.

Come dimostrano da due esperti di sicurezza non c’è nulla di più sbagliato, e non sono solo parole, alla conferenza sulla sicurezza informatica RSA Conference, i due hanno portato prove tangibili di quanto affermano.

I due ricercatori hanno avviato un esperimento molto semplice, hanno creato una applicazione per iPhone e Android battezzata WeatherFist, che oltre a fornire dati meteorologici agli utenti che l’hanno installata, nello stesso momento inviava le coordinate GPS del terminale all’insaputa dell’utente. L’applicazione, una volta lanciata nei vari siti non ufficiali che si occupano di distribuire questo tipo di applicazioni, è stata scaricata 7.800 volte in pochi giorni.

Ciò ha dimostrato inconfutabilmente come sia estremamente facile creare e distribuire un’applicazione mobile "maligna", e come se ciò non bastasse, gli sviluppatori hanno realizzato una seconda versione dell’applicazione, chiamandola WeatherFistBadMonkey, che era come la prima, ma più "maligna", in quanto aveva la possibilità di inviare spam.

Questa seconda applicazione non è stata rilasciata al pubblico, ma il concetto della possibilità di realizzare una botnet mobile è stata dimostrata senza ombra di dubbi.

I due ricercatori con questo esperimento, hanno voluto sollevare la questione di educazione informatica anche per gli utenti che utilizzano uno smartphone. Tutti noi dovremmo far tesoro degli errori commessi in passato, ed impedire che accadano situazioni simili a quelle che negli anni hanno interessato e interessano gli utenti Windows, afflitti da minacce di ogni genere.

Anche nel caso degli smartphone, la solita regola di buon senso vale più di ogni infallibile antivirus. Non fidatevi di qualunque file possiate trovare su Internet, siate sempre sospettosi, e scappate dai siti di cui non siete sicuri.

(via – Bitelia)

One Comment

  1. […] disponibili consentono di coprire gli schermi della maggior parte dei modelli di cellulari e smartphone “moderni”, potreste avere qualche difficoltà nel reperire una pellicola protettiva per un […]

Rispondi