Chrome festeggia il suo primo anno di vita, regalandosi un Sony Vaio.

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

Google_Chrome_Sony_Vaio Esattamene un anno fa, Google con un fumetto, scosse il mondo del web annunciando a sorpresa il browser Chrome. Da allora le quote di mercato, seppur di poco, sono cresciute, e oggi il browser viene usato dal 3 % degli utenti, il che non è male se si pensa che altri concorrenti come l’eccellente Opera, arrivato alla 10 versione, e Safari, con molti più anni di lavoro alle spalle, vengono preferiti da meno utenti.

Anche se non può ancora impensierire Internet Explorer (66%) o Firefox (23%), i due contendenti sanno bene che le armi a disposizione del colosso di Mountain View sono numerose, e vengono costantemente affilate.

Il motivo principale che ha reso Internet Explorer il browser più utilizzato, è il fatto che gli utenti lo trovano già all’interno del sistema operativo, il che è fondamentale visto che la maggior parte di essi non sa nemmeno cosa sia un browser, quindi figuriamoci se conoscono le alternative, e i benefici che comporta la scelta di provare un programma diverso.

Google sa che non potrà mai contare sulle masse, almeno fin quando non avrà un suo sistema operativo, e quindi la prima grande e importante mossa, è stata quella di stringere un alleanza con Sony che installerà il browser Chrome nei portatili Vaio, sostituendolo a Internet Explorer.

Google, che all’inizio disse di non essere interessato alle masse, ma solo al progresso della tecnologia, ora ha deciso di espandere il suo browser. Per ora Chrome ha messo solo il primo dentino,  e per sapere se con questa mossa le cose cambieranno, dovremo attendere almeno fino a quando inizierà a camminare.

2 Comments

  1. mixer ha detto:

    ottima mossa da parte di “bigG”

    1. TuttoVolume ha detto:

      Lo credo anch’io, e penso che Chrome non si fermerà ai Sony Vaio, ma si estenderà su molti altri PC, anche perché credo che nessun produttore possa dire di no a Google.

Rispondi