Bit.ly annuncia un servizio PRO. La stretta di goo.gl e FB.me si fa sentire.

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

bit.ly PRO Si prevedono tempi duri per gli URL Shortener, con l’arrivo di goo.gl e FB.me, accorcia URL lanciati ieri da Google e Facebook, una buona fetta degli URL da troncare verrà sottratta dai due colossi del mondo web.

Un modo per resistere, è quello di lanciare nuove funzioni, cosa che Bit.ly, l’URL Shortener che grazie a Twitter è divenuto il più popolare, ha già iniziato a fare.

Qualche giorno fa venne presentato il progetto per sottoporre i link ad un controllo prima di immetterli nel web, ed oggi Bit.ly rilancia annunciando che presto ci sarà anche una versione premium che sarà esclusiva di determinati mezzi di comunicazione e blogger influenti.

URL Shortener

Tra le principali caratteristiche di questo nuovo servizio PRO, spunta la maggiore tutela per gli utenti grazie al controllo dei collegamenti, e la possibilità di decidere chi potrà accedere ad una pagina web condivisa con un URL Bit.ly PRO, funzione utile per gli utenti che vogliono condividere informazioni sensibili solo con determinate persone.

bit.ly Premium statistiche

Tuttavia, la caratteristica più interessante, dal mio punto di vista, è l’inserimento di un pannello da cui sarà possibile tracciare gli URL in tempo reale. I dati ottenuti permettono di conoscere il numero di visite a una pagina particolare, la posizione geografica delle persone che hanno visitato il link, il numero di click e tanti altre statistiche mostrate in una grafica di facile comprensione, molto vicina allo stile di Google Analytics.

Finora non si sa nulla sul costo o la disponibilità del servizio, ma è probabile, visto anche i modelli di altre aziende, che in un futuro prossimo sarà possibile abbonarsi ad un account Bit.ly PRO pagando un canone mensile.

Nonostante tutti gli sforzi e l’ottimo lavoro svolto da Bit.ly, uno dei pochi servizi seri in circolazione, dubito che possa resistere se Google deciderà di spingere sul suo goo.gl.

L’URL Shortener di Google è in attività da poco più di 24 ore, ma già Twitter è stato invaso da URL goo.gl, e questo grazie soprattutto alla funzione Socialize aggiunta in FeedBurner che permette ai blogger di postare automaticamente il feed su Twitter.

Rispondi