Amazon “stupra” gli ebook reader dei suoi utenti.

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

bigbrother Teorie di complotto su ogni genere di dispositivo ne ho sentite a decine. C’è chi da anni dice che Bill Gates entra ed esce a suo piacimento dai nostri computer per indagare su di noi, oppure più recentemente che Steve Jobs lo faccia nei milioni di terminali iPhone sparsi per il mondo.

Che siano reali o no, questo non saprei dirvelo, fatto sta che alcune situazioni hanno fatto più volte pensare che un Grande Fratello esista, ma che il suo occhio arrivasse anche negli ebook reader, io personalmente non lo avrei mai creduto.

eBook-1984 E’ successa una cosa alquanto strana che ha interessato alcuni utenti che utilizzano il lettore di ebook Amazon.

Giovedì scorso gli utenti si sono visti cancellare improvvisamente la copia del libro 1984 di George Orwell, legittimamente acquistato dal famoso store, in versione digitale.

Amazon ha spiegato che dietro alla cancellazione vi erano motivi di copyright, e si è scusata con gli utenti, a cui ha prontamente riaccreditato la somma.

A parte il fatto che la questione dei diritti dovrebbe essere un problema di Amazon, e non dell’utente che ha pagato per scaricare l’ebook, ma l’accaduto ha causato polemiche più per lo “stupro” digitale dei dispositivi, dove la società può entrare e uscire come gli pare.

In pratica questo ha dimostrato che un libro digitale, è solo una semplice licenza per leggere il contenuto sul dispositivo, e non potrà mai avere lo stesso valore della sua controparte in carta stampata.

3 Comments

  1. Eineki ha detto:

    No, non sono daccordo, secondo me gli ebook non c’entrano niente. La cosa avrebbe potuto verificarsi anche con dei brani musicali, ad esempio.

    Per non parlare dei programmi che possono essere cancellati, in modo analogo dagli iphone, se ricordi la notizia di qualche tempo fa.

    L’episodio ha dimostrato solamente che il trusting computing non è da prendere alla leggera.

  2. TuttoVolume ha detto:

    Certo che potrebbe succedere anche con i brani musicali, ma la cosa che mi ha sorpreso, è stato il fatto che Amazon non abbia avvisato nessuno prima della rimozione. Mettiamo il caso che avessi acquistato il libro in versione cartacea, loro non avrebbero mica potuto entrarmi in casa per prelevare il libro dalla mia libreria?
    La stessa Amazon si è scusata con gli utenti, dicendo che non succederanno più cose simili.

  3. […] tempo fa, accennai qualcosa sull’incresciosa situazione in cui furono coinvolti alcuni clienti Amazon, che all’improvviso, e senza nessuna comunicazione, […]

Rispondi