Microsoft migliora WorldWide Telescope che ora permette di scrutare il cielo anche in 3D.

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

worldwide telescope Microsoft ha appena annunciato di aver apportato una serie di miglioramenti alla sua applicazione WorldWide Telescope, un strumento che permette di scrutare l’universo, che nel corso del tempo si è dimostrata tecnicamente superiore alla maggior parte dei suoi concorrenti (tra cui Google Sky). L’applicazione è disponibile in versione client desktop solo per Windows, e client web-based che può essere eseguita dal browser.

La versione web di WorldWide Telescope, ora ha lasciato la fase Tech Preview per passare a quella beta, che anche se non perfetta al 100%, risulta notevolmente migliorata e molto più stabile e performante.

Inoltre, sono state aggiunte grandi quantità di dati e immagini provenienti dai telescopi Hubble e Sptizer, e dall’osservatorio Chandra.

worldwide telescope_web-client

L’esperienza offerta dal client per Windows è ancora più coinvolgente, con la possibilità di usare la visualizzazione in 3D (occorrono le lenti 3D), o guardare immagini della superficie terrestre che impressionano per quanto sono realistiche, anche per il fatto che le zone sono riprodotte differentemente a seconda se in quel momento è giorno o notte. Si aggiunge inoltre la possibilità di effettuare ricerche per specifici corpi celesti, in base al nome.

 worldwidetelescope2

Il client web richiede solo Silverlight e un browser web (stranamente nel mio caso, ho notato che funziona meglio su Firefox che su Internet Explorer), ma se volete esplorare la terra come mai prima d’ora, vi consiglio vivamente di installare il client desktop che offre decisamente un esperienza più realistica.

Per conoscere le differenze tra la versione web-based è il client desktop, raggiungete la pagina di confronto delle caratteristiche.

Rispondi