Gimp 2.6.1 diventa Portable.

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.


Non è passata nemmeno una settimana dal rilascio dell’editor di immagini open source GIMP 2.6.1 che subito è stato resa disponibile una versione portatile. Ciò che rende GIMP 2.6.1 Portable diverso da quello originale, è che non dovete installare nulla su un computer per eseguirlo. Devi solo scaricare l’applicazione, decomprimerlo in una directory di vostra scelta, e quindi avviarlo dalla cartella. In altre parole, è possibile decomprimerlo in un flash drive USB e collegare l’unità in qualsiasi computer che si desidera per iniziare a utilizzare subito lo straordinario GIMP.

GIMP Portable è parte della suite di Portable Apps che comprende anche le versioni portatili di Firefox e OpenOffice.org. Le applicazioni portatili sono solo per Windows, anche se la maggior parte delle applicazioni sono open source e in grado di funzionare anche su Linux, e in alcuni casi, OS X.

Se volete scaricare e inserire in una chiave USB altri fantastici e utilissimi programmi che non hanno bisogno di installazione, come Freedom Stick (Firefox+ Tor), Windows Live Writer Portable, Screamer (per ascoltare e registrare le web radio) o PeaZip (gestore di archivi compressi), andate nella sezione del blog dedicata alle applicazioni portatili.

Da provare anche un altra collezione di programmi portable, disponibile in diversi tagli, l’italianissima Win Pen Pack.

5 Comments

  1. […] Il risultato può essere salvato in un file immagini JPEG o  in un file PSD a strati, in modo da poter ottimizzare il collage ulteriormente utilizzando un software di grafica professionale come Adobe Photoshop o GIMP. […]

  2. […] visto in passato come sostituire il costoso Adobe Photoshop con il gratuito The Gimp, e poi come fare a meno di Adobe Reader, utilizzando Foxit Reader o Perfect PDF Reader. Ora vedremo […]

  3. […] Gimp 2.6 abbiamo già visto notevoli cambiamenti nell’interfaccia, che hanno convogliato la maggior […]

  4. […] se è un ottima alternativa gratuita a Photoshop, molti utenti non amano GIMP per via della sua interfaccia multi-finestra che rende difficile […]

  5. […] da aggiungere sul blog. La maggior parte degli strumenti di editing delle immagini come Photoshop o GIMP, risultano superflui per un operazione del genere, e potrebbero essere anche usati, se non fosse […]

Rispondi