L’upgrade da Windows Vista SP1 a Windows 7 potrebbe impiegare 20 ore

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

upgrade-da-windows-vista-sp1-a-windows-7- Ci sono generalmente due modi per aggiornare un computer con una versione più recente di un sistema operativo Windows. È possibile eseguire il backup di tutti i dati, effettuare un installazione pulita, quindi reinstallare nuovamente tutti i programmi e infine copiare tutti i dati nel disco rigido. La seconda possibilità, è quella di eseguire un "upgrade" che dovrebbe preservare file, impostazioni, e tutti i programmi compatibili.

Ora, leggendo queste due descrizioni, si potrebbe pensare che quest’ultima opzione è più veloce e più facile. Di certo potrebbe essere più facile per molti utenti, ma raramente è più veloce.

Da recenti test, si è scoperto che un upgrade da Windows Vista SP1 a Windows 7 potrebbe impegnare il sistema per più di 20 ore. Per essere precisi, la situazione non è drammatica in tutti i casi, e a volte per compiere l’operazione bastano appena 27 minuti, circa 7 minuti in più di quanto occorrerebbe per installare Windows 7 ex novo.

Windows_Vista_SP1_upgrade_a_Windows_7_x86

Dai test si evince che il tempo impiegato aumenta in modo considerevole a seconda dei programma installati, e dei dati conservati nel disco. Il sistema che ha risposto meglio al test con tempi più rapidi, aveva 20 applicazioni installate e circa 70GB di dati memorizzati sul disco rigido. Un sistema con il doppio delle applicazioni installate, e 650 GB di dati, invece può arrivare ad impiegare fino a 20 ore.

Windows_Vista_SP1_upgrade_a_Windows_7_x64

Il test è molto interessante, soprattutto per chi il 22 ottobre vuole passare all’ultimo sistema Microsoft. Consultandolo si può capire se è il caso di eseguire un aggiornamento, oppure se optare per un installazione pulita, che oltre ad impiegare solo 20 minuti circa, garantisce anche che tutte le applicazioni funzionino in modo corretto.

Non capisco perché sia stato preso in esame Windows Vista SP1, e non SP2, che integra alcuni strumenti atti proprio a favorire la migrazione. Comunque, a parte il test, personalmente preferisco un installazione pulita, anche perché è una buona occasione anche per dare una sistematina al sistema.

Voi quale installazione preferirete? (via)

Rispondi