Su YouTube e Vimeo arriva l’HTML 5, da oggi si possono riprodurre i video senza Flash Player.

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

HTML-5-YouTube-Vimeo Quando si cominciò a parlare del nuovo linguaggio di programmazione delle pagine web HTML 5, gli addetti ai lavori dicevano che ci sarebbero voluti degli anni prima che questo diventasse effettivamente utilizzabile per la progettazione di un sito web.

La tecnologia odierna si evolve molto più rapidamente di quanto si possa immaginare, e grazie a YouTube già oggi è possibile avvalersi di questo nuovo linguaggio per navigare e riprodurre i video del famoso portale senza utilizzare il plugin Flash Player.

L’HTML 5 per i video YouTube non è predefinito, ma bisogna attivarlo collegandosi alla pagina dedicata (dove lo si potrà anche disattivare). Ciò è possibile solo utilizzando i browser Safari e Google Chrome, al momento gli unici che supportano l’HTML 5 con il codec H.264 (Firefox anche se supporta il linguaggio, utilizza il codec open source OGG Theora).

html5

Le differenze tra Flash Player e HTML 5 non sono tangibili, ma utilizzandolo la riproduzione sarà nettamente più fluida, non ci saranno più le lunghe attese per il caricamento del buffer (il che permette anche di saltare da un punto all’altro del filmato senza attese), e il processo legato al browser non occuperà risorse aggiuntive, mentre prima la memoria occupata poteva arrivare anche a diverse decine di MB.

YouTube non è l’unico portale video a muoversi in questa direzione, anche Vimeo segue le sue orme, ma invece di richiedere l’attivazione, l’utente può decidere di riprodurre singolarmente i video in modalità HTML 5 tramite un collegamento.

Lo sviluppo futuro dell’HTML 5, garantirà una maggiore integrazione del browser con le applicazioni web, e permetterà un migliore supporto con i dispositivi mobile, senza dimenticare che esso è alla base della futura evoluzione del cloud computing.

2 Comments

  1. […] portali video come YouTube e Vimeo, hanno lanciato una versione del loro sito che utilizza il nuovo linguaggio di markup HTML 5, […]

  2. […] e il futuro Internet Explorer 9 (Microsoft). Nei nomi dei browser che lavorano già da tempo all’implementazione dell’HTML5, ma non supportano il codec H.264, manca Mozilla Firefox, ed il motivo lo ha spiegato tempo fa Mike […]

Rispondi