Chrome 4 Beta permette di sincronizzare i segnalibri, ma non gestisce più gli add-on di default.

Il contenuto è stato pubblicato oltre 360 giorni fa. Informazioni, collegamenti e elementi presenti nell’articolo potrebbero non essere aggiornati/raggiungibili.

Chrome 4 Beta Gli sviluppatori Google, a passi da gigante, in poco più di 12 mesi hanno rilasciato ben 3 versioni stabili del browser Chrome, con l’ultima, la quarta, in cantiere, che poche ore fa ha toccato la beta.

Chrome 4 Beta, oltre ad essere più veloce del 30% rispetto all’attuale versione, porta con se anche la funzione con cui l’utente può sincronizzare i segnalibri.

Ne abbiamo parlato in passato, ma ora a differenza delle precedenti relese Dev Channel, quest’ultima beta integra la funzione di default, e quindi non sarà più necessario modificare il parametro nel percorso del collegamento.

La sincronizzazione dei segnalibri, a cui si può accedere dal pulsante Strumenti(occorre un account Google), ci consente di sincronizzare gli indirizzi salvati su più installazioni di Chrome. Ad esempio, se usate Chrome al lavoro, potete sincronizzare i segnalibri che avete salvato sul computer di casa, per accedervi anche quando siete in ufficio.

Chrome 4 Beta sincronizza segnalibri

I segnalibri vengono archiviati nei documenti del vostro account Google Docs, quindi anche se non avete bisogno di sincronizzare i segnalibri su più installazioni di Chrome, la funzione può essere utile anche per tenere al sicuro una copia dei vostri preziosi segnalibri.

Sincronizza segna

Un alternativa alla funzione integrata in Chrome, è quella di utilizzare XMarks installando l’add-on rilasciato anche per il browser di Google. In questo modo i segnalibri potranno essere sincronizzati non solo con Chrome, ma anche su Firefox, Internet Explorer e Safari.

A proposito di add-on, sembra che in quest’ultima versione Beta di Chrome sia stata di nuovo disabilitata l’integrazione predefinita e l’opzione di gestione degli add-on. Molto probabilmente ci sono ancora problemi, ma per me questo fa precipitare nuovamente Chrome dietro Firefox tagliando le gambe alla speranza di veder crescere il numero di estensioni disponibili in vista del rilascio della versione finale di Chrome 4.

Vi ricordo inoltre che se non volete installare Chrome 4 Beta (cosi come tutte le altre versioni), potete provarlo utilizzando la versione portable.

Download: Google Chrome Portable Multi-Installer (in fase di installazione inserite uno dei seguenti numeri che corrisponde alla versione che preferite installare)

4.0.223.16 Chrome Dev
3.0.195.27 Chrome Stable
2.0.172.43 Chrome Stable

Rispondi